Come è composta la tua fattura?

Componente di costo: quali sono quelle negoziabili e quali non trattabili (ARERA) aggiornate al II° Trimestre 2021.

Le fatture per la fornitura di Energia Elettrica e Gas contengono diverse voci di costo, importanti da individuare e conoscere per sapere quali sono passanti per il fornitore o meno.

Per quanto concerne la fattura elettrica, di seguito riportiamo l’esempio – rappresentativo – di un utente allacciato in Media Tensione con un consumo annuo di circa 2.000.000 kWh.

 
 

Ricordiamo che l’approvvigionamento rappresenta l’unica voce trattabile per un valore di circa il 36% del totale imponibile. Le altre voci di costo, pari a più del 60% dell’imponibile, sono passanti e rappresentano cioè una partita di giro.

Ma cosa rappresentano le altre voci non trattabili della fattura di energia elettrica?

Passiamo in rassegna tutte le voci non trattabili in fattura, evidenziandone le tariffe per il II° trimestre 2021.

a.       Oneri di sistema, rappresentano circa il 36% del totale imponibile, hanno natura parafiscale e sono oneri previsti per legge per remunerare specifici obiettivi di interesse generale (sostegno allo sviluppo delle fonti rinnovabili, ricerche di sistema, etc.).  Tale voce di spesa, per il II° trimestre 2021, ha un valore di 60,96 €/MWh, invariato rispetto al primo trimestre.

b.       Il Trasporto rappresenta la remunerazione dell’attività dei distributori locali proprietari della rete elettrica ed ha un peso specifico di circa il 13% del totale. Tale voce di spesa, in lieve aumento rispetto al 2020, è pari a 21,17 €/MWh e sarà valida per tutto il 2021.

c.       Il dispacciamento – pari a circa il 7% dell’imponibile in fattura – remunera l’attività di TERNA per la gestione puntuale dei flussi di energia dalle centrali al contatore e per il mantenimento in equilibrio e in sicurezza del servizio elettrico. Tale voce di spesa, per il II° trimestre del 2021, è di 14,594 €/MWh in aumento di circa il 19% rispetto al I° Trimestre 2021

d.       Le imposte rappresentano la remunerazione all’erario.

In conclusione, per un utente in MT, la tariffa elettrica nazione risulta in aumento – per la parte non trattabile – di circa il 2,2% rispetto al I° trimestre 2021.
Tale aumento è trainato dall’andamento dei costi di dispacciamento, che ciclicamente registrano un aumento nel secondo trimestre.

Per saperne di più su come ottimizzare i costi di approvvigionamento della tua azienda, contatta Il Consorzio Esperienza Energia – CEE.

 

#CEE – L’energy manager a disposizione della tua impresa, sempre.

 

Richiedi un incontro informativo

Mettiti in contatto con noi, il nostro team
risponderà a tutte le tue domande in brevissimo tempo.