Orari: Lunedi-Venerdi: 8:30 – 17.30
Dove siamo >> - <<
ITA  |  ENG
FONDO ENERGIA 2.0: nuova call in apertura

FONDO ENERGIA 2.0: l’Emilia Romagna al sostegno della Green Economy

Dal 13 settembre riapre il Fondo EnERgia: finanziamenti per Imprese ed ESCo con sede in Emilia Romagna

La Regione Emilia Romagna ha costituito nel 2016 il Fondo EnERgia, fondo rotativo multiscopo di finanza agevolata a compartecipazione privata, per finanziare imprese di qualsiasi dimensione e società ESCo che intendono sostenere interventi di green economy, volti cioè a favorire processi di efficientamento energetico nelle imprese e produzione di energia da fonti rinnovabili per autoconsumo.

>> Chi sono i destinatari?

I destinatari dei contributi sono le Imprese (PMI e grandi) e le ESCo (Energy Service Company), che possiedano determinate caratteristiche:
– siano iscritte al Registro Imprese;
– abbiano localizzazione produttiva in cui si realizza l’investimento in Emilia-Romagna (nel caso in cui la domanda sia presentata da una ESCo la localizzazione produttiva deve essere quella dell’impresa cliente);
– siano attive alla data di presentazione della domanda;
– abbiano l’attività principale compresa nelle sezioni della classificazione delle attività economiche (ATECO 2007)  riportate nelle Linee Guida del Fondo (scaricabili qui).

>> Quali interventi sono ammissibili?

Sono considerate ammissibili e quindi potranno essere finanziate, le seguenti tipologie di spesa:
a) interventi su immobili strumentali: ampliamento e/o ristrutturazione, opere edili funzionali al progetto;
b) acquisto ed installazione, adeguamento di macchinari, impianti, attrezzature, hardware;
c) acquisizione di software e licenze;
d) consulenze tecnico/specialistiche funzionali al progetto di investimento;
e) spese per la redazione di diagnosi energetica e/o progettazione utili ai fini della preparazione dell’intervento in domanda.

>> Qual è l’importo di investimento finanziabile?

Il Fondo  interviene concedendo FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO CON PROVVISTA MISTA,derivante per il 70% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2014-2020) e per il restante 30% da risorse messe a disposizione dagli Istituti di credito convenzionati.
Il finanziamento copre il 100% del progetto ammissibile, con un minimo di € 25.000 ed un massimo di € 750.000.
Il Fondo concede inoltre un CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO, che copre le spese tecniche sostenute per la diagnosi energetica, e/o lo studio di fattibilità, e/o la preparazione del progetto di investimento.
L’importo massimo del contributo non potrà superare il 12,5% della quota pubblica di finanziamento ammesso e verrà erogato dopo la rendicontazione finale del progetto.

>>Quando deve essere presentata la domanda?

La domanda deve essere presentata, nel periodo di apertura della call ovvero dalle ore 11:00 del 13 settembre alle ore 16:00 del 15 novembre 2021, in modalità on line – accedendo al sito del Fondo EnERgia 2021 – con firma digitale, allegando tutti i documenti previsti. Una volta conclusa la compilazione, l’impresa riceverà una comunicazione contenente il numero di protocollo assegnato alla domanda.

>> Come si presenta la domanda per accedere ai finanziamenti?

Il Consorzio Esperienza Energia – CEE è a disposizione per offrire tutto il supporto necessario alle Imprese nella presentazione della domanda di erogazione del finanziamento.

La domanda dovrà essere corredata dal report di Diagnosi Energetica del sito. CEE è già in possesso delle certificazioni necessarie a garantire il servizio di diagnosi energetica ai sensi della norma UNI CEI EN 16247 e nel rispetto di quanto stabilito dal decreto 102/2014
.

Contatti i nostri uffici senza impegno per ricevere maggiori informazioni.

Share This Article
ciusuraestiva_CEE_header
Previous post
Chiusura estiva uffici CEE
Next post
SOSTENIBILITÀ È SVILUPPO: la visione di CEE per un futuro sostenibile
articolo_sostenibili
it_ITItalian